Predicazioni brevi

Come puoi valutare la tua crescita spirituale?

I credenti devono cambiare, man mano che crescono, la loro posizione da figli "bambini" a figli "maturi" per poter essere eredi delle ricchezze che il Padre nostro ha destinato. Per far si che questo serenamente con secondo il suo volere, il Signore, si usa dei ministeri.

Testo biblico di riferimento:  "Ora io dico che per tutto il tempo che l'erede è minorenne non è affatto differente dal servo, benché sia signore di tutto, ma egli è sotto tutori e amministratori fino al tempo prestabilito dal padre." (Galati 4:1-2)

Il capitolo 4 di Galati affronta il processo di crescita dei figli di Dio. L'apostolo Paolo fa un confronto di questo processo con quello di un bambino che si evolve nelle diverse fasi di sviluppo fino alla sua età maggiore.

L'opera di redezione attuata dal Signore inizia nel momento in cui si diventa cristiani. Nella lettera Romani 3:23 la bibbia insegna che "tutti hanno peccato e sono privi della gloria di Dio"; il verso  immediatamente seguente ci dice anche che possiamo essere accettati da Dio, a titolo gratuito, a  motivo della sua grazia, mediante la redenzione che è in Cristo Gesù (Romani 3:24).

Dio, affinché l'opera di affiliazione possa essere stata compiuta, ha fatto si che il suo unigenito figlio morisse in croce. Cristo ha compiuto l'opera della redenzione essendo crocifisso al posto nostro, versando il suo sangue per noi. Credendo nella efficacia del sangue di Cristo, siamo stati perdonati da tutti i peccati che abbiamo commessi fino ad un attimo prima della conversione. In questo modo siamo divenuti beneficiari della Grazia! Con la Grazia evitiamo il lago di fuoco e zolfo preparato per tutti coloro i cui nomi non sono scritti nel libro della vita (Apocalisse 20: 14-15), il profeta Daniele infatti dice: "Molti di coloro che dormono nella polvere della terra si risveglieranno, alcuni per vita eterna, altri per vergogna e infamia eterna.(Daniele 12:2)". In parole più semplici con la grazia, credendo nel Signore Gesù, siamo stati rigenerati (1 Pietro 1:23), siamo nati di nuovo (Giovanni 1: 2-13), siamo diventati suoi figli legittimi (Galati 3:26), avendo nella promessa la vita e la natura divina (2 Pietro 1:4).

Quando i figli sono bambini, sono comunque degli eredi, ma non possono ricevere né di amministrare le ricchezze del padre. Spiritualmente parlando, è necessario che tutti noi, come figli legittimi di Dio, cerchiamo la crescita in spirito ed in santità nella vita cristiana. Per assolvere a questa necessità, il Signore ci ha preparato un ambiente idoneo, una chiesa sana dove abbiamo fratelli che davanti al Signore hanno il ruolo veri custodi e che si prendono cura di noi, fino alla giusta e necessaria maturazione dei tempi (Galati 4:2).

I curatori sono come maggiordomi ci dice la scrittura, essi devono avere massima cura per il bambino e fornirgli tutto il necessario per mangiare, bere, vestirsi. Allo stesso modo i maggiordomi spirituali, che possono essere gli anziani o i pastori, si preoccupano del benessere spirituale di ogni credente (o almeno cosi dovrebbero fare). I tutor, invece, sono come gli insegnanti che insegnano la parola di Dio, insegnano i principi divini. Con l'opportuna cura nella volontà di Dio e secondo la sua parola bambini spirituali raggiungono l'età adulta. Per ottenere la completa eredità derivata dalla filiazione, il bambino deve essere un adulto sano pronto a regnare nel mondo a venire. In altre parole, Galati 4 mostra la funzione della vita di chiesa e della necessità da parte dei ministeri di perfezionare i santi; ovviamente tutti noi credenti siamo messi nelle condizioni di raggiungere la maturità. Se questa maturità non viene correttamente raggiunta sarà un problema pretendere di ereditare quello che il Padre ci ha messo a disposizione, come analisi finale ne deriva che il credente deve sforzarsi di voler crescere ed i ministeri devono impegnarsi solertemente a svolgere questo servizio o altrimenti entrambe dovranno risponderne al Padre.

 

About the author

admin

Add Comment

Click here to post a comment